Entra/Login



Inserire Nome utente e password forniti dall'amministratore del sito.
Vetam Arbëreshë Campera - Lingua
Lingua - 4 PDF Stampa E-mail
Scritto da Tommaso Campera   
Venerdì 03 Settembre 2010 13:26
Indice
Lingua
Sull'esempio del De Saussure ...
Possiamo ritenere lo standard ...
Illiria Post
L'arbëreshe è inadatto ...?
Gaetano Petrotta ...
Tutte le pagine

  -               “Iliria Post” - venerdì 18 agosto 2006 - articolo pp. 22: “La lingua dei media: Albanese puro o inutile ibridismo?). 

Le pagine culturali dei quotidiani in lingua albanese, come “Iliria Post”, non fanno altro che avvalorare i dubbi che vengono espresse a proposito della lingua standard. Perplessità che vanno in crescendo, perché, proprio oltre adriatico si leggono articoli che denunziano incertezza linguistica, impoverimento lessicale e ibridismo, come  nel seguente articolo di “Iliria Post”:

“In nessuna maniera l’integrazione in Europa e gli standard europei si  devono ottenere con la perdita dei valori e della nostra identità come Albanesi. Queste perdite di valori, le abbiamo osteggiate sempre e frequentemente, questo però non è sufficiente per dire cosa sta avvenendo. Ogni giorno leggiamo giornali albanesi colmi di parole straniere, vediamo programmi televisivi che adesso non hanno più neppure i titoli in albanese, oppure, sentiamo i politicanti che adesso ti parlano con una lingua ibrida, e per di più, stampe variopinte con più parole straniere di quelle albanesi. / Perché i nostri giornalisti ed i nostri oratori debbono usare la parola “lider” al posto della parola albanese “udhëheqës”, la parola “atakoj” al posto della parola “sulmoj”, “starton” al posto di “fillon”, “atribut” in luogo di “cilësì” e altri esempi che creano apprensione e allo stesso tempo irritano?... / Dunque, come  già detto, l’inserzione delle parole straniere è una manifestazione naturale dello sviluppo della lingua e non tutte le inserzioni di parole straniere va visto come errato o dannoso. Gli scambi tra le lingue e le culture non sono altro che un reciproco arricchimento. Solo che bisogna avere accortezza per non confondere l’una con l’altra,  ed è quello che sta capitando oggi con la lingua albanese, quando si usano insieme molte parole straniere in maniera non necessaria anche quando esistono le parole albanesi, è indice di una disattenzione e oltraggio ai valori esistenti che crea una lingua mediatica che resta molto lontano dall’albanese standard.”

L’articolo prosegue con varie citazioni sull’incomprensibile lingua “albanese”, usata da vari politici che dalla televisione si rivolgono ai cittadini: “... uno degli esempi più eclatanti che offendono l’udito di qualsiasi albanese viene dall’attuale primo ministro il quale... / Altro esempio è il Capo Ispettore V. L. la quale... /  Questo dibattito potrebbe continuare citando altri casi all’infinito, ad iniziare dal parlamento albanese che dovrebbe essere il Tempio dell’Albania... / Inizialmente ci riferiamo agli sviluppi del parlamento albanese che si... / Non più tardi del 22 novembre, il deputato del PD. Z. Olldashi, in una sessione parlamentare con il Primo Ministro Z. F. Nano, con tema la tragedia dei studenti di Malishevo successa  tra Fushë Arrësit e Puka, ha usato una serie di parole straniere le quali, con semplicità,  unendogli un suffisso le ha albanesizzate come se non ci fosse stato nessun problema... / Altro caso,  ancora più ridicolo, è quello del ministro delle finanze Z. Arben Malaj, il quale senza alcuna vergogna, in una conferenza stampa dice: projekt buxheti i viti 2005 nuk mund të “atakohet” për arsye politike. Quello che non si comprende è a chi serva una classe politica albanese sino a quando il suo popolo non può capire  questa lingua  quasi incomprensibile e impura”.

-           “Iliria Post” - venerdì 18 agosto 2006 - articolo pp. 22 “La lingua dei media: Albanese puro o inutile ibridismo?”).

          Nel detto articolo, tra le critiche per l’albanese spurio usato dai vari media, viene anche presentata la “variante linguistica” ed il lessico usato dai politici albanesi: sembra che da questi ultimi, siano usati dei termini non aventi con la lingua albanese alcuna relazione. I politici albanesi che dovrebbero essere d’esempio per le masse usano quindi i seguenti termini: “projekt”, “buxheti”, “atakohet”, “asset”, “vulnerable”, “konfuzion”, “eskortuar”, “injoruar”, “konçeptin”.

 -               “Bota sot” -  articolo pp. del 21 agosto 2006 – articolo pp. 18 “Shqipja dhe sanskritishtja”.           Nell’articolo “Shqipja dhe sanskritishtja” = “l’albanese e il sanscrito”, su un giornale albanese, in sole due colonne sono usati i seguenti termini che un qualsiasi italiano può certamente comprendere: euruditin, lexuesin, auditori, leksioneve, monolog, debat, autori, glosarin, motivimi, glosave, afinitetin, metodën, analizuar, etimologjia, filozofia, logjika, informacion, realitete, konservon, problemi, mitit, ndikimet, reciproke, koncludimin, relativisht, referohat, objektesh, përfundimi, studim, sistemi, konform, visionin, profetik, kuruar, justifikuara, sui generis, operative, gjeniale, teoris, linguistikës, modern, analizë, territor, hipotezar, pretenduesit, specialistëve, dekada, idetë, analizë.



Ultimo aggiornamento Domenica 10 Ottobre 2010 12:06
 
Copyright © 2017 Vetam Arbëreshë Campera. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Design by Next Level Design Lizenztyp CC