Entra/Login



Inserire Nome utente e password forniti dall'amministratore del sito.
Vetam Arbëreshë Campera - Letteratura
Letteratura - Gangale, poesie PDF Stampa E-mail
Scritto da Tommaso Campera   
Martedì 28 Settembre 2010 23:00
Indice
Letteratura
G. Gangale
Gangale, poesie
Carmine De Padova
Tutte le pagine

 

Alcune poesie del Gangale con la grafia dell'alfabeto da lui elaborato: il materiale è stato 

 gentilmente messo a disposizione da Fausto Bubba www.caraffaime.it  -  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 > Dialusha e Gharrahesy
> Llart kumborie Gharrahesy 
> Ure hipa ddíevo  
> Se krikkooχa follee.
> Follee ningky gjeta,
> Po, tue ngkaar e zhgkaar,  
> Ndodha ççyddo filleta
> Viétra dhe pilluhurossura
> Ka thri gjind viéçç e mo:
> Njo rufieχ ka pakzhimi 
> Díales Ghankalyvet.

> Bbora krikjin e thirra: 
> “Gjaku jim i shprishury
> reχt reχt Kalavríeje!”   
> e njy maal my zhuu ty shihχa 
> Díalen tiim gjirin.

> Vasta te gkurkulléa:    
> Mori, zhonja zhokka
> Gkurgkullé gjéla-e-gkillate  
> Kjy kindoon mbi kit ulliit 
> Ççykuur Gharrahen e stisurhu
> Njohe ti bbijen Gkangkalit
> Ççy killuheχ Díalush? 

> “Ohy, bbiir: e bbukur jéshy,
> e miir, jéshy, Díalusha.
> Folleety tiim ngk ngkáu.
> Rriχi te ddeera e dhiete, 
> Gjitoon te nj’ aan jeshy Bbubba, 
> Te njéthra jésh i Shumbaat.
> Ulleχ mbromin te praku,   
> Rrúaχy strikjχt, tiériχ,
> Vreχ ngky shokj u nteheχ,
> Petri e Mustakjevet.”

> “Oi, zhonja Gkurgkulléa,  
> pak ty thoom, jo shuumy:
> si e ddi se jee e magkare:
> thúamy kj’ u’ katty bbonja
> saty shoh Díalushen
> llulleny gjakut tiim.”  
> “Joore, bbiir, killiççin
> ka kytá nyngk e kaamy
> píe zhotine Prift.”
> “Lla Zhot, miir se ty gjéta!”
> “Miir s’ erdhe, jimi bbiir!|” 
> “Zhoti Pri’ , ti kett m’ zhbiliçç
> Parrazhin, Prighatorin 
> Saty shoh njy çik
> Nusen Petrit ty ndíem
> Llulleny gjakut tiim.” 

> “Ti u stessin, oi martolore!
> Ççy ddo shiheçç ddekura.
> Eja ndzit, ty ksamulisiçç,  
> Ksamulisiçç, e kungkoçç,
> Saty llaçç kity munkat,
> Bboχ dhiavassiny njy mesh
> Pyr pakjen e Díales”.     

  

 In alto nel campanile di Caraffa
> salii ieri
> in cerca di nidi.
> non ne trovai,
> ma, rovistando
> trovai alcuni foglietti di carta
> vecchi ed impolverati
> di circa trecento anni e più.
> Uno raccontava del battesimo
> di Dialusa della famiglia Gangale.

> Feci il segno della croce e gridai
> “O semenza del mio sangue disperso
> sulle colline della Calabria!”
> Un desiderio mi prese improvviso
> di Dialusa mia parente.

> Andai dalla civetta:
> “Sentite, signora uccello,
> civetta di lunga vita,
> che canti su questo ulivo
> dalla fondazione di Caraffa
> conoscesti tu la figlia dei Gangale
> che si chiamava Dialusa?

> Si, figlio mio, bella
> e buona era Dialusa.
> I miei nidi non toccò.
> Abitava la porta numero dieci
> i vicini, da una parte, erano i Bubba
> e dall’altra gli Sciumbata.
> La sera ella si sedeva sulla soglia
> accudiva i suoi bambini, filava,
> attendeva il ritorno del marito
> Pietro, della famiglia dei Mustachio.

> “Oh, signora civetta,
> poco ti dico e non molto:
> perchè so che sei una fattucchiera:
> dimmi che cosa devo fare
> perch’io possa vedere Dialusa
> fiore del mio sangue”.
> No, figlio mio, la chiave
> di ciò non ce l’ho,
> Chiedi al signor curato”.
> “Signor curato, ben trovato”
> “Benvenuto, figlio mio!”
> “Signor curato, dovresti aprirmi
> il Paradiso, il Purgatorio
> perch’io possa vedere per un istante
> la sposa di Pietro il defunto
> Il fiore del mio sangue

> “Tu sei colpevove, o di peccati pieno!
> Nel voler vedere i morti.
> Vieni subito a confessarti
> a confessarti e a comunicarti,
> perchè tu possa lavarti questo peccato,
> e fai dire una messa
> per la pace di Dialusa.”
                                                                                            

   

 

  


Ultimo aggiornamento Sabato 12 Novembre 2011 14:26
 
Copyright © 2017 Vetam Arbëreshë Campera. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Design by Next Level Design Lizenztyp CC