Entra/Login



Inserire Nome utente e password forniti dall'amministratore del sito.
Vetam Arbëreshë Campera - Poesia
Poesia - 2 PDF Stampa E-mail
Scritto da Tommaso Campera   
Venerdì 03 Settembre 2010 14:40
Indice
Poesia
Poesie insolite
Poesie Ze një pastan i re
Sabato 12 marzo, poesia albarbëreshe
Tutte le pagine
 AVVERTENZE PER LA LETTURA DELLE SEGUENTI  “POESIE INSOLITE”

       L’alfabeto al quale attenersi per la lettura dei testi in lingua arbëreshe, è quello comune a tutto il “mondo albanese”, codificato nel 1908 a Monastir -oggi in Macedonia- comprensivo di 36 lettere. 

-    “Mondo albanese”: si intende che, pur facendone parte, gli arbëreshë hanno specifiche peculiarità, dovute alla secolare integrazione con il contesto italiano. 

-    Le virgolette che racchiudono una parola “-” vogliono dire che il significato del termine, è interpretativo; non si è voluto dare traduzione letterale. 

-    I termini adoperati per i testi, sono quelli della lingua più antica e meno corrosi da mutamenti semantici e fonetici, esempio: “gluhë” = “lingua”, è termine più antico e non mutato nel gruppo consonantico “gl” come invece è avvenuto in “gjuhë” = “lingua”; vedi il “Meshari i’Gjon Buzukut” 1555. 

-    Siccome tra le motivazioni di questo modesto lavoro  vi è anche quello di riuscire a dare qualche nozione di lettura dell’arbëreshe, la traduzione dall'albanese all'italiano, è volutamente letterale. Ciò, comunque, è a discapito della espressività originale. Una traduzione, infatti,  mai potrà rendere l’espressione, il significato, la musicalità con cui il testo è stato scritto in lingua originale. Dunque la traduzione, è solo un mezzo per carpirne in minima parte il significato del testo arbëreshe.

-    In netta contrapposizione con il genere adoperato sin’ora, (vedi la seguente “Grua shqiptara”), questo “azzardo”, trova ragione solo nel voler dimostrare che l’arbëreshe –per chi ne è conoscitore e secondo i contesti- permette di scrivere di cose colte e raffinate, con dolci espressioni: vedi, “lulë” = “fiore”; con forme del vezzeggiativo come, “vajzarela” = “bambinetta”; ma anche con espressioni molto aspre come, “shkrehinj”, suono tanto duro e aspro, da preannunciare lo stesso significato di “sparo”!

-   Le poesie “afrodisiache”, lungi dal voler essere volgari, sono espresse attraverso la metafora ed il sottinteso.

 

GRUA SHQIPËTARA

 Ma sullm

u vërvita ndër lufta,

e kisha afar pesqënd viet,

luftova armiku i padukshim…

                            e ja munda.

 Kush ma dà ajò fuqì

të luftoja trëmbsiran?

Armiku i mundeshim,

çë më zëj, e më mbaj...

                   i patundur.

 Ti lulë ardhur nga dejti,

si Afardita lindur nga suvalat,

ti më dè trimsin e më pështova,

ndësa kam pesqënd viet…

                    zè gjellan ima.

 

DONNA ALBANESE

Con impeto

mi gettai nella lotta,

e avevo fors’anche cinquecent’anni

lottai contro nemico invisibile…

                           e uscii vincitore.

 Chi mi dette la forza

di lottare la paura ?

Nemico potente,

che mi prendeva, e mi teneva…

                                   immobile .

 Tu fiore venuto dal mare,

come Venere nata dalle onde,

tu mi desti il coraggio e mi salvasti,

seppur ho cinquecent’anni…

              comincia la mia vita.

                                          “POESIE INSOLITE”

                                      Autore Tommaso Campera

 

1) LODHRAN

ndejti këmban

ta shtrati dimëror

këmba mbezul…              

lojë ma herdat ima,

jashtë… ngadal

bijë dëborë

 

2) PARNAZI

 I lodhur, u derdha mbi ajò falè…

a zezë si dera pisës

vëran, i kuqë si zjarrë…

po nëng u dogja,

se nëng ishë pisan…

po ishë dera Parnazit:

qima grashë… ajò falè.

 

3) NJË DHURATË

Të prora një dhuratë,

zogji pranvers…

ma a kuqa kaçulera,

ndë kaxhollë kurr nëng ndinji,

se dushkë mbë dushkë fluturojti.

Po ti zonja ima mbaja mir

se këndofsha si bilbili

mbë nata, ndër ilzat e hënxa.

E mbësoj ti, e qolla lart ndë qielli,

atjè ku nëng ishtë moti

… e vajtima,

po t’qeshura e gëzima.

Vëra mbi ajò degë,

at-i har atò di gjërshì

kur ta faleja shkon ma fluturima…

ti ngroha ma frima.

 

4) PIVA TA KROI JOTI

I lehtë, hipa malat

u ngjita ndër shkëmba skundra

…e ferrat,

po nëng shkela mënushaqja,

eri dushqëvat ndiaja,

ma t’këlin mbushja mushkritë,

e t’gjeta… ti kroi i lumtë

piva ujra t’kulluama

ta burimi ku njarì…kurr,

nëng qasi buzan

e ti më thua: “Qasu…

priju trim mbi mali imë” .

 

5) VOHËSA DASHURIS

 Vetam një sandon a pushtron

e më pret, tura shërtuar.

Të enjëtura i ka sistë…

I ngrohtë prëhri i saj…

kurmi i lagur, vohësa dashuris.

Dorë çë dridhëshin

më mer krien, e ma ulan mbi prëhri i saj

e më nëng dija: "Mjekra ima,

o pushi, ishka errsiror pidhi i saj?"

Erin… moj erin, i ëmbal puhì

shprishij nga kurmat përlidhurë

ndë harrimshin, më nëng dijam…

ndë mënushaqa o trëndafila.

 

6) ZILAR  U

Zilar u...

pë atò di gjërshì,

ritura ndë sistë jote.

Zilar u…

pë atò di shega,

jan piqura…

i puthinjë u.

Net çë shuhat

vetam ndë pi…

në atë krò,

ndën mali Afarditës.

Zilar u…e piva.

 

7) KËPURDHI

Totemi, çë dufton qielli,

i lashti Pollifemi…

t’këlin siu ruan

mbi murra grashë

çë përglunjës…

parkalesnjan:

“Ngreu moj Këpurdh,

burò klumshtin

çë gjithë ngjallnon”.

 

1) IL GIOCO

Stese la gamba,

sul letto invernale,

la gamba sospesa…

giocava coi miei “berlocchi”,

fuori… lentamente

cadeva la neve.

 

2) IL PARADISO

Stanco, mi gettai su quel nido…

nero come la porta dell’inferno

il buco, rosso come fuoco…

ma non mi bruciai,

non era l’inferno…

era la porta del Paradiso:

pelo di donne… quel nido.

 

3) UN DONO

Ti ho portato un dono,

l’uccello della primavera…

dalla rossa cresta,

in gabbia non stette mai,

siepe su siepe volò.

Ma tu signora mia trattalo bene,

canterà come usignolo

nella notte, tra le stelle e la luna.

E insegnagli tu, portalo alto in cielo,

la dove non c’è il tempo

… e gemiti,

ma sorrisi e felicità.

Posalo sul quel ramo,

che mangi delle tue ciliege

quando al nido con furtivo volo andrà…

del tuo respiro si scalderà .

 

4) BEVVI ALLA TUA FONTE

Leggero, salii i monti

arrampicandomi tra le rocce

…ed i rovi,

ma non calpestai la viola,

il profumo della selva sentivo,

con il quale riempii i polmoni,

e ti trovai… tu fonte benedetta

bevvi acque chiare

nella polla dove nessuno…mai,

 avvicinò labbra

e tu mi dici: “Avvicinati…

riposa giovane sul mio monte”.

 

5) RUGIADA D’AMORE

Solamente un lenzuolo la copre

e mi aspetta, ansimando.

Gonfio il suo seno…

caldo il suo grembo…

il corpo bagnato, rugiada d’amore.

Mani tremanti

mi prende il capo, posandolo sul suo grembo

e più non sapevo: “La mia barba,

o vello, selva tenebrosa la sua vulva?”.

Il profumo… oh il profumo, dolce brezza

si spargeva dai corpi intrecciati,

nell’oblio, più non sapevamo…

se viole o di rose.

 

6) GOLOSO

Goloso io…

di quelle due ciliegie,

cresciute sul tuo seno.

Goloso io…

di quei due melograni,

sono maturi…

li bacio io.

Sete che si spegne

solamente se bevo…

a quella fonte,

sotto il monte di Venere.

Goloso io… e bevvi.

 

7) IL FUNGO 

Emergente totem,

indicante il cielo,

antico Polifemo…

il quale occhio guarda

su folla di donne

che inginocchiate… pregano:

“Sorgi oh Fungo,

sgorga il latte

che tutto vivifica”.

   


Ultimo aggiornamento Venerdì 20 Maggio 2011 15:57
 
Copyright © 2017 Vetam Arbëreshë Campera. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Design by Next Level Design Lizenztyp CC