Entra/Login



Inserire Nome utente e password forniti dall'amministratore del sito.
Vetam Arbëreshë Campera - Etimologia
Etimologia PDF Stampa E-mail
Scritto da Tommaso Campera   
Venerdì 03 Settembre 2010 14:37
Indice
Etimologia
IL FRIGIO
IL GRECO ARCAICO
IL TRACICO (Lingua dei Traci)
L'ETRUSCO (la Tabula Cortonensis)
Tutte le pagine

LA LINGUA ARBËRESHE (albanese arcaico)

            C’è stato un periodo in cui i linguisti supponevano che la nostra lingua (l’albanese in genere) poteva essere prezioso veicolo per l’etimologia dei vari toponimi, oronimi e idronimi sparsi in tutta Europa. I linguisti di quel periodo  - poi bollato come pan-illirismo - attraverso la nostra lingua, volevano dare spiegazione dei vari nomi di luogo, dei nomi delle montagne e fiumi sparsi in tutta Europa: sembrava ad un certo punto che, attraverso la nostra lingua di origine illira, o tracio-illira, si potesse risolvere l’enigma linguistico che, con le lingue più conosciute come il latino il greco non si riusciva a risolvere. Nonostante oggi si facciano altre ed innumerevoli ipotesi contrastate le une  dalle altre, quell’enigma resta ancora irrisolto e la nostra lingua, specialmente l’albanese arcaico d’Italia, sempre più, sembra accreditarsi per la soluzione di quell’enigma ancora irrisolto dei toponimi europei.

         Se noi Arbëreshë” dovessimo spiegare a chi  arbëresh non è: “Che cos’è questa nostra lingua, cosa diremmo? Come al solito, pavoneggiandoci, diremmo che è una delle lingue più antiche d’Europa… e poi? Poi, specialmente in un territorio non autoctono come l'Italia, dovremmo essere capaci di dire e provare che la nostra non è una lingua aliena ma che essa è da sempre stata presente nei Balcani e - per l’illirizzazione delle coste orientali della penisola italica - è sempre stata presente in Italia già da epoca preromana, dunque, antecedente al latino.

LE PROVE LINGUISTICHE

            Tutto quanto fin qui detto, ovviamente, va minimamente dimostrato. Quindi, con l’aiuto di Erodoto - il primo cronista accreditato dell’epoca - e le sue “Storie” del V sec. a. C.,  si darà prova della possibile espansione della nostra lingua nei territori storici più antichi conosciuti, la Frigia, la Tracia e la Grecia.  Che la nostra lingua fosse radicata in Italia già da epoca preromana, e che essa, ancora oggi è presente  in molti nomi di luogo (toponimi), nomi di montagne (oronimi), nomi di fiumi (idronimi) ed in molti vocaboli dei dialetti italiani non spiegabili attraverso il latino, lo si proverà invece attraverso i dizionari etimologici come: il “Dizionario etimologico della lingua italiana Zanichelli”; “Dizionario etimologico della lingua italiana G. Devoto”; “Enciclopedia italiana fondata da G. Treccani”; “Dizionario della lingua italiana Garzati”; “I dialetti italiani, etimologico, Manlio Cortelazzo, Claudia Marcato”; “Dizionario di toponomastica Utet”; “Botanica Zanichelli, Arthur Cronquist”; “Guida alle vegetazioni d’Europa Zanichelli”.



Ultimo aggiornamento Venerdì 27 Maggio 2011 21:07
 
Copyright © 2017 Vetam Arbëreshë Campera. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Design by Next Level Design Lizenztyp CC